INSTAGRAM

L’ALGORITMO DI INSTAGRAM | ALLARME BRAND

E’ di ieri sera la notizia, pubblicata dal New York Times, che annuncia l’introduzione graduale da parte di Instagram, di un feed personalizzato che consentirà agli utenti di visualizzare i contenuti del Social non più in ordine cronologico ma sulla base di ciò che più interessa (alla stregua di ciò che già avviene in Facebook).

instagram-icon

In buona sostanza questo significa che, probabilmente, troveremo “in alto” nel nostro feed le immagini delle persone con le quali interagiamo maggiormente o quelle che l’algoritmo di Instagram ritiene abbiano rilevanza per noi sulla base di diversi fattori. Questo cambiamento dovrebbe portare agli utenti una esperienza di navigazione migliore permettendo loro di vedere ciò che realmente piace.
Instagram procederà all’esecuzione di alcuni test su gruppi di utenti ristretti per poi decidere se procedere in questa direzione o fare un passo indietro.

Mentre dal web, già dalle prime ore dopo la notizia, cominciavano a levarsi proteste, io credo che l’introduzione di questa feature non possa che giovare e che, sostanzialmente, non cambi molto il modo di vivere questo Social lato utente.

Tutti noi seguiamo mediamente tra i 200 e gli 800 account e la possibilità di vedere per primi quei contenuti che ci piacciono di più è una novità assolutamente rilevante. Bisogna poi considerare che se si segue un determinato account questo rappresenta già un interesse per noi anche se non con tutti si crea un livello di engagement minimo.

Discorso diverso e, a mio parere allarmante, per i Brand che, nella maggior parte dei casi, hanno ancora un approccio al Social di tipo “Top-down” nel senso che postano, magari rispondono ai commenti, ma molto difficilmente vanno a ricercare autonomamente profili da seguire, non lasciano commenti e quindi, in buona sostanza, non creano engagement.
Il rischio è quello di finire in fondo al feed di ogni utente e quindi perdere moltissima visibilità ma per rimediare ci sono le ADS, chissà se Instagram ci ha pensato?

Francesco Mattucci (@iena70)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *